Bolla immobiliare e il sennodipoismo.

Parlo della nuova figura professionale: il “sennodipoista“.

Premessa.

La bolla immobiliare, nella sua accezione generica, oggi è di dominio pubblico, anni fa ne parlavano (…amo, ma io non conto) pochi “visionari” su forum di  nicchia.

La presenza, in questi forum, di alcuni esaltati offuscava la giusta riflessione di questi visionari rilevatasi poi, tra l’altro, tutt’altro che infondata anche se con le varianti che la realtà ha il vizio di aggiungere alla teoria postulata.
Continua a leggere

Prezzi delle case: il web è affidabile?

La rete, nella quale bazzico da diverso tempo anche e soprattutto per lavoro, ha tanti pregi quanti difetti ed oggi mi piacerebbe proporre il mio pensiero sulle informazioni immobiliari in rete, intese come dati sul mercato, ma anche semplici annunci immobiliari o altro riguardante il tema.

Se da una parte la reperibilità di una informazione è una buona cosa, il suo proliferare incontrollato la rende di per sé meno affidabile. La presenza di “rumore” nelle informazioni digitali riguardanti il mercato immobiliare è diffusa, ma la cosa preoccupante è quando questo “rumore” viene poi ignorato e tollerato. Continua a leggere

Tranquilli: il banner non morde – II° puntata

Qui la prima puntata

Parlando con uno dei sostenitori della teoria “se metto il banner cercacasa.it nel footer del mio sito perdo clienti a favore dei concorrenti”, affermazione che di per sé già così è tutta un programma e in sé racchiude molti dei nostri difetti, vorrei analizzare freddamente il ragionamento, come mio solito, e proporvi il mio.

Poniamo che il nostro dubbioso collega abbia un sito che fa 100 visite il giorno  (intese come visitatori unici in carne ed ossa quindi crawlers et simila esclusi), anche se conosco agenti che oggi venderebbero la loro madre per avere risultati simili e il traffico reale su un sito di una agenzia immobiliare media è di qualche decina di visitatori al giorno, quando va bene.

Poniamo anche che di queste 100 visite (!), il 10% noti il banner in fondo alla pagina e ci clicchi andando sul cercacasa (un enormità ma oggi sono generoso, un mi costa nulla).

Fermandoci qui, il nostro avrebbe  quindi fatto una affermazione apparentemente corretta:

io regalo il 10% del mio traffico al cercacasa e quindi ai miei concorrenti.

(Fissate bene questo modo di pensare in testa perché è alla base della debolezza della categoria su molteplici aspetti e potrà aiutarvi in futuro a capire alcuni atteggiamenti e darvi risposte dove non sembrava possibile trovarle)

Continua a leggere

Tranquilli, Il banner non morde.

Rieccomi qua,

ancora una volta a riflettere insieme a voi sui luoghi comuni che gli Agenti Immobiliari mettono in campo per trovare scuse per non agire e modi di farsi del male, alcune volte con una logica che comprendo altre invece che francamente nascono da processi mentali a me totalmente avulsi, tanto sono forieri di una saggezza che è al di fuori della mia capacità di comprensione.

Si parla di nuovo di cercacasa e della campagna “aggiungi un banner cercacasa al tuo sito“, rivolta ai miei colleghi associati in primis e anche, perché no,  a chi comprende la portata e le conseguenze di un progetto così importante, essendo il cercacasa aperto a tutti gli agenti immobiliari.

elenchiamo i luoghi comuni:

1) Il banner cercacasa mi toglie clienti e li dona alla concorrenza.

2) Il banner cercacasa è inutile perché tanto non serve.

Questo sito è affiliato CercaCasa.it

Riflessioni mia sui due punti.

Continua a leggere

Cercacasa: L’Agente Immobiliare e la sindrome del piagnisteo.

Si parla sempre di Categoria degli Agenti Immobiliari e di come si tenda a farsi del male e mi rivolgo a coloro che ancora non hanno recepito il messaggio.

Prendiamo in esame, ancora,  il cercacasa.it, che è la risposta alle preghiere che si son sentite negli ultimi anni, l’unica possibile e concreta tra l’altro per tutta una serie di fattori che non sto a raccontarvi qui.

Nell’associato e ancora peggio in qualche dirigente che ancora non hanno recepito la chiamata alle armi, c’è la tendenza a aspettare passivamente qualcosa dal cielo, in nome di alcuni moti psicologici che comprenderei se non ci fosse la consapevolezza, palesata perfino, di una necessità da soddisfare prima possibile.

Leggo su qualche forum post di associati che si lamentano che il cercacasa non abbia avuto successo, ancora.

Continua a leggere

cercacasa.it si comincia, chi non partecipa è causa del suo mal.

Si è cominciato con il lavoro di promozione del Cercacasa.it anche in rete.

Qualcuno dirà:

come si comincia, non avete ancora finito?

No, si comincia proprio ora, abbiamo cominciato il 15 agosto a dire il vero, ma abbiamo perduto tempo cercando di risolvere i problemi precedenti (oggi finalmente risolti) e quindi siamo appena gli inizi.

Ma noi avremmo voluto che tutto fosse già fatto, quello aveva detto così, l’altro aveva detto così…

Io volevo essere come Brad Pitt, guardatemi e tirate le vostre conclusioni, mi tocca far con quello che ho, sono abituato così.

Ma bisognava fare quello e fare quell’altro… come mai non è stato fatto questo e quell’altro…

L’unica cosa che c’è da fare ora è mettere i link nel footer dei nostri siti (si trovano cliccando qui) e mettere più annunci possibile sul cercacasa e meno possibile altrove.

Nient’altro.

Metteteli come sono, è inutile ad esempio se linkate alla vostra pagina dell’agenzia o ad altro, quello magari fatelo con un link da qualche parte, quelli nel footer metteteli come sono sulla pagina sopra o comunque che linkino alla home page di cercacasa.it

Fate questo in memoria di me e per il bene vostro o lamentatevi pure per sempre di quello che vi accadrà.

Ora serve agire, è tempo.

I conti li facciamo dopo.

La gestione delle obiezioni: scarica gratis il video corso.

Anche io, finalmente per voi, mi sono pentito e mi do alla carriera di formatore così, per soddisfare la vostra sete di conoscienza vi dono un po’ di luce propria mia medesima e lascio le parole al video-scorso sottostante, mi raccomando: scaricate il pdf introduttivo! (dovrete essere velocissimi nel click, è a fine video, è gratis ma solo per vincenti pronti a tutto e con adeguati riflessi da winners che riusciranno a cliccare 50 volte prima che scompaia 😉 ).

Buona visione!

Come ti vendo fumo e ti faccio pure contento: il risparmio sulla provvigione.

Quando c’è un bisogno qualcuno nel commercio lo deve soddisfare, questo principio è sacrosanto, ma ciò non vuol dire che tutti i bisogni siano fondati su cose concrete né, sopratutto, che i servizi li soddisfino davvero, quei bisogni.

Di cosa parlo?

Parlo di quei servizi, secondo me utilissimi, di coloro che si propongono come alternativa alle agenzie immobiliari a coloro che vogliono vendere o comprare “no agenzia”.

Trovo molto intelligente il servizio, quando si propone come ausilio nell’impostare la campagna promozionale dell’immobile o spiega al proprietario cosa deve produrre e come per premunirsi contro i problemi amministrativi e burocratici di una vendita, in altri paesi tali servizi sono erogati anche dalle agenzie immobiliari, ad esempio, perfino la pubblicazione e la promozione sono pacchetti acquistabili da una agenzia, senza dover pagare per la provvigione (ne avere quindi il servizio di promozione attivo dell’agenzia).

Quindi servizi utili e assolutamente leciti.

Allora, mi direte, cosa perdi tempo a scrivere un tuo pensiero e perché ci fai perdere tempo a noi a leggere questa accozzaglia di parole vuote?

Continua a leggere